La sezione medievale del Lapidario: monumenti funerari tra Gotico e Rinascimento, tra opere originali ed esempi di reimpiego

Da EUR 10

27 novembre ore 15:30

Informazioni Aggiuntive

Città
Modena

Da EUR 10

Prenota
Incontro: Atrio di Palazzo dei Musei lato Caffetteria V.le Vittorio Veneto
Durata : 1 ora e 30 minuti circa

Costo: 10 euro a persona 
Prenotazione obbligatoria a Modenatur al link dedicato oppure tel. 059 220022
Ingresso al Lapidario libero e gratuito, nessun biglietto è dovuto

In caso di cancellazione da parte del cliente fino a 48 ore dalla partenza del tour non sarà possibile avere rimborso ma sarà concesso un buono di pari valore per l'acquisto di altre visite organizzate da Modenatur. 
In caso di cancellazione da parte del cliente nelle 48 ore precedenti il tour non sarà possibile ottenere alcun rimborso. 
In caso di maltempo l'attività potrebbe essere annullata, in questo caso sarete contattati per riprogrammare il tour in altra data o per ricevere il rimborso. 
Modenatur si riserva il diritto di cancellare la visita per causa di forza maggiore. In questo caso i partecipanti saranno tempestivamente avvertiti e sarà effettuato il rimborso della quota pagata o sarà, previo consenso del cliente, emesso un voucher di pari importo da usare in futuro.


PER INFORMAZIONI CONTATTARE: 
IAT - UFFICIO INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA TURISTICA DEL COMUNE DI MODENA
Modena tourist office. Address: Piazza Grande 14 Modena
tel. + 39 592032660  visitmodena.itORGANIZZAZIONE TECNICA:
 

In evidenza

Il percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APSIl percorso proposto vuole far conoscere ed apprezzare in modo specifico la sezione medievale del Lapidario Estense, il più antico museo pubblico della città di Modena in quanto istituito dal duca Francesco IV il 31 marzo del 1828; nella visita, si ammireranno, oltre che alcune iscrizioni e memorabilia storico-artistiche, vari prestigiosi monumenti funebri appartenenti a diverse epoche e stili (si spazierà dal Gotico al tardo Rinascimento); si effettuerà comunque “un’incursione” anche nella raccolta di età romana per analizzare alcuni sarcofaghi antichi riutilizzati fino al XVII sec., esempi cioè di quella pratica tanto diffusa ed importante del reimpiego, che nata da un interesse quasi fanatico per le vestigie classiche della Roma imperiale era volta ad enfatizzare il prestigio di quelle famiglie nobiliari di Modena che riuscivano ad accaparrarsi le suddette venerate testimonianze archeologiche.

Guida: Stefano Galli 
Associazione Arianna APS

ORGANIZZAZIONE TECNICA:
MODENATUR INCOMING TOUR OPERATOR & DMC
Via Scudari 10, 41121 Modena - Italy. tel.  + 39 059220022 www.modenatur.it
p.iva 023743503ORGANIZZAZIONE TECNICA: